Kosovo

Aggravamento della situazione in Kosovo: la pressione dell’UE sulla Serbia non cesserà

Aggravamento della situazione in Kosovo: la pressione dell’UE sulla Serbia non cesserà
19.12.2022

Il 10 dicembre, sullo sfondo della crescente pressione sui serbi in Kosovo, il presidente serbo Aleksandr Vučić ha tenuto un discorso alla nazione. Il leader serbo ha detto che per proteggere i serbi, avrebbe richiesto alla KFOR di portare truppe e polizia serbe in Kosovo. In precedenza, a novembre, i serbi del Kosovo si erano ritirati da tutte le autorità dell’autoproclamata Repubblica del Kosovo. Le barricate iniziarono ad essere erette nelle regioni serbe. La gente era scesa in piazza.

Albanesi della Novorussia: problemi e prospettive all’interno della Russia

Albanesi della Novorussia: problemi e prospettive all’interno della Russia
28.09.2022

La liberazione della regione dell’Azov, avvenuta in primavera, lo svolgimento di un referendum sul ritorno della regione di Zaporozhye alla Russia, nonché ulteriori prospettive di espansione dei territori liberati, mettono la Russia al primo posto: gli albanesi di Novorussia sono diventati nostri concittadini. Essendosi trasferiti lì più di due secoli fa, sono attualmente rappresentati principalmente dalle comunità che vivono in modo compatto nei tre villaggi di Georgievka, Devninskoye e Gamovo intorno a Melitopol, nonché dalla metà del grande villaggio multietnico di Karakurt (Zhovtnevoe) nella regione di Odessa. Secondo i dati obsoleti del censimento del 2001, circa 1.800 albanesi vivevano a Karakurt e quasi 900 nella regione di Melitopol, a cui vanno aggiunti oltre 100 albanesi del Donbass e della Crimea. Così, ormai, esclusi i profughi, La Russia accoglie oltre mille albanesi, tra cui tre villaggi completamente albanesi, e in caso di liberazione della regione di Odessa, questa cifra potrebbe crescere di due o tre volte.

La Serbia riconosce la perdita del Kosovo

28.05.2019

Il presidente della Serbia Alexander Vucic ha parlato in una sessione speciale del parlamento dedicata alle relazioni con il Kosovo e ha riassunto il risultato deludente: la Serbia ha subito una grave sconfitta nazionale, economica e territoriale ed ha completamente perso il controllo sul Kosovo.

“Dobbiamo riconoscere che siamo stati sconfitti. Abbiamo perso il territorio” – come riferisce la Reuters.